ENAC



Servizi e informazioni

torna alla navigazione interna

  • Home
  • Bandi di gara
  • Bando di gara affidamento della concessione di gestione totale dell'aeroporto di Lampedusa

Contenuto della pagina

Bando di gara affidamento della concessione di gestione totale dell'aeroporto di Lampedusa

Si riporta di seguito la documentazione relativa al bando di gara per l'affidamento della concessione di gestione totale dell'aeroporto di Lampedusa:

PRECISAZIONE PUNTO DI CONTATTO PER SOPRALLUOGO OBBLIGATORIO
Con riferimento al punto 10 del Disciplinare di gara, in cui si prevede che il concorrente debba obbligatoriamente eseguire il sopralluogo delle aree e della infrastruttura aeroportuale oggetto dell’affidamento, si comunica, a tal fine, che è opportuno che gli interessati contattino direttamente il Signor Gaetano Palmeri tel 0922 970006.

Chiarimenti e informazioni

Quesiti relativi al punto 10 del Disciplinare di Gara

In attuazione di quanto previsto al punto 10 del Disciplinare di Gara per l’affidamento della concessione di gestione totale dell’aeroporto di Lampedusa, si pubblicano i chiarimenti e le informazioni rilasciate dal Responsabile Unico del Procedimento ai quesiti inoltrati dai concorrenti e ritenuti di interesse generale.

Quesito - In riferimento alla gestione aeroportuale trattandosi di scalo sottosoglia tutti i servizi di cui all’allegato a del Decreto Legislativo 13 gennaio 1999 n.18 saranno espletati dalla società che vincerà l'appalto di gestione totale?

Risposta - Ai sensi del Decreto Legislativo n. 18/99, negli aeroporti sotto soglia le attività di assistenza a terra vengono garantiti dal gestore aeroportuale. Inoltre, così come esplicitato dall’art. 10.2 della Circolare APT-02B del 22.11.2013 “Certificazione e sorveglianza dei prestatori di servizi aeroportuali di assistenza a terra”, “Il gestore aeroportuale che svolge in proprio alcuni servizi di assistenza a terra, possedendo la relativa certificazione ai sensi del regolamento, può subappaltare l’espletamento di alcuni di tali servizi assicurando che il subappaltatore possegga uno standard di sicurezza, regolarità, qualitativo e di tutela ambientale pari a quello proprio, previa acquisizione dell’autorizzazione da parte dell’ENAC, nel rispetto dei requisiti di cui all’art. 9 del regolamento….” ”All’atto della richiesta di autorizzazione all’ENAC, l’impresa subappaltante dà evidenza che i servizi da svolgere tramite subappalto non superano il 30% del proprio fatturato globale annuo realizzato direttamente, con riferimento alle attività di assistenza a terra svolte sul singolo aeroporto” (art. 10.1 della Circolare cit.).

Quesito - Ad eventuali soggetti presenti verrà revocata la certificazione come prestatore a terra così come previsto dal d.lgs. 18/99?

Risposta - Le attività di assistenza a terra sullo scalo di Lampedusa, allo stato attuale, sono svolte dalla Società AST Aeroservizi S.p.A., la quale è stata autorizzata, con provvedimento ENAC, a proseguire i predetti servizi fino al 31 marzo 2014, salvi gli effetti dell’eventuale affidamento della gestione totale dello scalo in esito alla gara per l’affidamento della gestione totale. Pertanto, al fine di assicurare i servizi di handling, l’Enac autorizzerà il prosieguo delle attività in capo alla Società AST fino alla decorrenza dell’affidamento in gestione totale ad eventuale altro soggetto aggiudicatario della gara.

Quesito - A quanto ammonta il canone annuo della concessione?

Risposta - Ai sensi della normativa vigente il canone è determinato annualmente sulla base del traffico calcolato come WLU (Work Load Unit): pertanto è variabile e nella documentazione di cui al punto 6 del Disciplinare di Gara (Documento di Analisi Economica, del traffico e della capacità aeroportuale dello scalo di Lampedusa), si troverà una proiezione correlata al volumi di traffico stimati.

Quesiti relativi al “Documento di Analisi Economica, del Traffico e della capacità aeroportuale dello scalo di Lampedusa”

Sono pervenuti al Responsabile Unico del Procedimento vari quesiti relativi al “Documento di Analisi Economica, del Traffico e della capacità aeroportuale dello scalo di Lampedusa”, messo a disposizione al fine di fornire elementi utili per la predisposizione degli elaborati costituenti l’offerta. (Punto 6 del Disciplinare di gara). 

Verificato che i quesiti formulati riguardano il “Documento di Analisi Economica, del Traffico e della capacità aeroportuale dello scalo di Lampedusa”, e non gli atti di gara previsti al punto 10 del Disciplinare, si è provveduto a rispondere e dare riscontro, ove pertinenti, alle informazioni e agli approfondimenti richiesti.

Quesito 1 : Tutti i valori riferiti all’anno 2011. Vi chiediamo di fornirci pertanto i dati consuntivi di traffico (passeggeri e movimenti) riferiti al 2012 e 2013 non evidenziati nelle statistiche pubblicate da Assaeroporti.

Risposta:
Lampedusa 2012: Movimenti: 3216. Passeggeri: 170.274.
Lampedusa 2013: Movimenti: 3830. Passeggeri: 203.389   

Quesito 2: Non essendo disponibile il bilancio di esercizio al 2013 e 2012 sono richieste evidenze anche contrattuali degli impegni (attivi e passivi) che vincolano e regolano la continuità di esercizio (esempio il contratto del bar/ ristoro che sarà inaugurato a breve con una concessione di cui non si conosce la durata; ovvero i contratti di manutenzione i cui valori sono citati nela documentazione fornita; ovvero i termini del contratto sulla sicurezza per cui sono stimate oltre 40.000 ore di servizio).

Risposta:  Il bilancio di esercizio 2012 2013 per lo scalo di Lampedusa non esiste dal momento che lo stesso, attualmente, non è gestito da una società, con obbligo di tenuta dei bilanci, ma è uno scalo a gestione diretta da parte di ENAC.

In riferimento poi alla richiesta di evidenze contrattuali si precisa che, come specificato a pag. 27 del Documento, “i costi per i servizi ... sono stati determinati sulla base dei contratti in essere con adeguamento all’inflazione dell’1,5%”. Inoltre a pag. 28 del Documento sono stati indicati i criteri utilizzati per addivenire alla determinazione dei costi evidenziati.
Questa Amministrazione ritiene che le informazioni fornite nel documento per individuare i costi di esercizio non necessitino di alcuna ulteriore indicazione o produzione documentale, risultando tale dato ampiamente soddisfacente e adeguato per procedere alla formulazione e predisposizione delle relazioni costituenti l’offerta tecnica.

Quesito 3: Nell’arco temporale considerato, pari ad un ventennio, il Documento ipotizza una variazione annua delle vigenti tariffe per diritti aeroportuali esclusivamente per quanto attinente l’effetto dell’inflazione attesa. A tal proposito si richiede se ciò debba essere inteso come vostra garanzia di mantenimento di tale soglia minima delle tariffe per l’intera durata della concessione, eventualmente anche in sede di successiva sottoscrizione del contratto di programma.

Risposta: Il Documento ipotizza una variazione annuale della tariffazione basata sull’inflazione programmata solo in via previsionale e nelle more del perfezionarsi degli adempimenti necessari alla sottoscrizione della convenzione e alla predisposizione di una contabilità analitica dei costi e dei ricavi afferenti i servizi regolamentati e non regolamentati.
La contabilità analitica rappresenta, infatti, lo strumento necessario ai fini della correlazione delle tariffe ai costi. L’introduzione della tariffazione basata sui costi potrebbe generare delle variazioni in aumento o in diminuzione rispetto a quelle attualmente in vigore. 
Infine, in merito alla concreta applicazione di un sistema di tariffazione correlato a i costi, si precisa che l’attuale quadro regolatorio demanda all’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART), operativa dal 15.01.2014, l’approvazione e l’adozione dei nuovi Modelli Tariffari.

Quesito 4: Lo scenario tendenziale del Traffico indicato a pag. 8 del Documento, non risulta in linea con l’evoluzione del traffico posta a base del successivo Conto Economico Prospettico, il quale riporta valori differenti. Si ritiene comunque necessario ricevere indicazioni circa la distribuzione del traffico passeggeri e movimenti distinti per stagione Winter e Summer, con analisi del traffico anche su base giornaliera e mensile con evidenza dei picchi, peak hour – peak day- peak month) tipologia di traffico (legacy- lcc- charter - ga - state flight).

Risposta: La disarmonia evidenziata trae origine da un mero errore materiale consistente nel non aver trascritto il dato relativo ad un prudenziale scenario incrementale di sviluppo turistico che è stato invece  quantificato nell’ambito del Conto Economico Prospettico. È a disposizione, presso i punti di contatto indicati al punto I.1 del Bando di gara, la versione integrata con il dato non inserito che riguarda le pagine 8 e 9 del Documento di Analisi Economica, del Traffico e della capacità aeroportuale dello scalo di Lampedusa. In riferimento all’ulteriore richiesta circa la distribuzione del traffico, con le varie specifiche indicate, questa Amministrazione ritiene di non dover fornire tale dato, avendo ritenuto ab origine esaustivi quelli messi a disposizione ai fini della predisposizione delle offerte.

Quesito 5: La corretta valutazione della congruità dei costi d’esercizio prospettici indicati nel Documento, segnatamente in riferimento alla manutenzione dello scalo, richiede necessariamente l’elenco dettagliato e la consistenza degli impianti, dei sistemi e dei mezzi attualmente esistenti, con indicazione dello stato di usura degli stessi, e più in generale l’elenco completo di tutti i beni gratuitamente devolvibili e di proprietà del gestore corredato da certificazioni, planimetrie etc; Si richiede copia degli “as built” dei sistemi in uso e copia dei contratti attualmente in essere.

Risposta: Si ritiene di non dover soddisfare tale istanza e quindi di non dover produrre la documentazione richiesta, dal momento che nessun sindacato di congruità può e deve essere effettuato dai concorrenti sui costi sostenuti da questa Amministrazione nel gestire in forma diretta lo scalo di Lampedusa..

Quesito 6: Allo stato attuale ci risultano in esecuzione una serie di lavori ed adeguamenti infrastrutturali interessanti in particolare il layout e la viabilità del piazzale aeromobili, l’area sosta mezzi di rampa e l’area nastri trasporto bagagli. A tal proposito, anche alla luce di quanto confermato a pag. 12 del Documento circa l’adeguatezza delle infrastrutture attuali per l’intero arco concessorio ipotizzato, si ritiene opportuno ricevere adeguate garanzie in merito:
- all’inserimento di tali opere nel Piano triennale degli Interventi;
- alla copertura finanziaria degli stessi, comprese eventuali posizioni pending, per la regolare conclusione delle lavorazioni in essere e comunque necessarie al regolare collaudo delle opere stesse;
- nonché tutte le informazioni in merito allo stato dell’arte dei procedimenti amministrativi delle opere appaltate e consegnate.

Risposta: Il “Documento di Analisi Economica, del Traffico e della capacità aeroportuale dello scalo di Lampedusa” è stato predisposto da questo Ente come strumento finalizzato a fotografare la situazione esistente sullo scalo al momento della messa a gara, offrendo contestualmente un quadro prospettico formulato ed ipotizzato in via prudenziale. Ne consegue che questa Amministrazione nel compilare tale Documento ha ritenuto i dati, le indicazioni e le previsioni inserite ed illustrate nello stesso,  necessari e al tempo stesso sufficienti per consentire ai concorrenti di predisporre adeguatamente gli elaborati di cui si compone l’offerta tecnica. Resta ovviamente nella piena libertà   degli aspiranti concorrenti, la scelta se partecipare o non partecipare alla gara alla luce delle informazioni fornite in tale atto, senza poter esigere garanzie e informazioni di così ampia portata che appaiono esorbitanti rispetto alle finalità perseguite con la pendente procedura di evidenza pubblica. 

Quesito 7: Alla pag. 27 del Documento viene precisato che i costi per servizi valorizzati nell’arco concessorio, non includono alcuna spesa per servizi antincendio, ipotizzando che tali oneri di gestione rimangono in capo alla competente direzione dei VVFF. A tal proposito si richiede se ciò debba essere inteso  come vostra garanzia in tal senso per l’intera durata della concessione. Parimenti viene richiesto di precisare la vostra indicazione in merito alla gestione dei servizi di assistenza sanitaria in aeroporto, non prevista nel menzionato bando.

Risposta: Le indicazioni date nel documento circa i costi di esercizio fotografano la situazione presente sullo scalo di Lampedusa al momento della messa a gara dello scalo, tenuto conto che attualmente il servizio è espletato gratuitamente dai vigili del fuoco e l’assetto normativo è tale da non prospettare variazioni. In merito ai servizi di assistenza sanitaria in aeroporto si segnala che in tale ambito sono ancora in via di definizione le linee guida finalizzate a fissare standard di servizio da parte dei gestori e al momento i servizi in parola vengono svolti a cura e a spese del Ministero della Salute.

Quesito 8. Si Segnala che, a memoria della scrivente, ad oggi non è esistente alcuna attività di rent a car presso lo scalo di Lampedusa, né di food  beverage all’infuori di un piccolo bar di cui si coglie l’occasione per richiedere la durata del contratto in essere e le condizioni commerciali di sub concessione riconosciute allo stesso.

Risposta: Le indicazioni contenute a pag. 25 del Documento sono state inserite in una prospettiva previsionale prudenziale ritenuta adeguata dalla Amministrazione concedente. Il contratto attualmente in essere ha una durata di 2 anni. Le ulteriori informazioni richieste non rilevano  in quanto non necessari ai fini della predisposizione degli elaborati costituenti l’offerta tecnica.

Quesito 9: Infine si rappresenta anche la necessità di visionare l’Elenco delle ordinanze in vigore, copia del Regolamento di scalo e dei Piani di Emergenza nonché di eventuali rilievi dei preposti nuclei Enac per evidenza delle eventuali e già prescritte opere d’adeguamento ai requisiti regolamentari in tema safety e security.

Risposta. La presa visione dei documenti indicati, non rientranti tra quelli essenziali per la predisposizione dell’offerta, può essere soddisfatta attraverso richiesta alla competente Direzione Aeroportuale Sicilia Occidentale (già Direzione Aeroportuale di Palermo), struttura che ha emanato i documenti medesimi e che li detiene, ovvero in sede di sopralluogo presso lo scalo di Lampedusa previo contatto con il Signor Gaetano Palmeri tel 0922 970006.

La scadenza per la presentazione dell'offerta, pena esclusione, è fissata entro e non oltre le ore
13.00 del giorno 11/03/2014 .


Pagina aggiornata al 7 marzo 2014

vai a inizio pagina