ENAC



Servizi e informazioni

torna alla navigazione interna

Torna alla navigazione interna


Contenuto della pagina

Assistenza a terra (Handling)

Per handling si intende l'insieme dei servizi svolti in aeroporto finalizzati a fornire assistenza a terra a terzi , vettori, utenti di aeroporto o in autoproduzione (self handling).

Per svolgere l'attività di handling è necessario acquisire la relativa certificazione da parte dell'Enac, che vi provvede in conformità con la verifica del rispetto dei requisiti di cui all'art. 13 del D.Lgs. 18/99:

La direttiva comunitaria n. 67 del 15 ottobre 1996, che introduce la libera concorrenza dei servizi di assistenza a terra, contiene un elenco dettagliato dei servizi da garantire negli aeroporti comunitari, sia in Air Side che Land Side, ed ammette la possibilità per le compagnie aeree di prestare il servizio in autoproduzione (self handling).

Nell'ordinamento nazionale la direttiva comunitaria è stata recepita con  decreto legislativo n.18 del 13 gennaio 1999, con l'intento, oltre che di guidare il processo di liberalizzazione dei servizi handling, anche di incidere ai fini di una riduzione dei costi di gestione da parte dei vettori aerei e di un graduale innalzamento della qualità dei servizi a favore dell'utenza senza con ciò far venir meno la salvaguardia della sicurezza.

L'Enac, nell'esercizio delle proprie funzioni di regolamentazione e di vigilanza rispetto alla corretta attuazione della nuova normativa, ha fissato con le circolari EAL-01 del 10 giugno 1999 ed APT-02 del 28 luglio 1999, le prime linee guida per dare attuazione ai principi innovativi della nuova disciplina.

Successivamente ha avviato un processo di revisione ed aggiornamento della disciplina di settore con la predisposizione del Regolamento Certificato di prestatore di servizi aeroportuali di assistenza a terra, la cui ultima revisione n. 5 è stata emessa il 23 aprile 2012, e il successivo aggiornamento della Circolare APT 02 con l'emissione della Circolare APT-02B del 22 novembre 2013 relativa alla definizione dei requisiti e delle procedure per il rilascio del certificato di handler e per l'accesso al mercato dei prestatori di servizi. Con ciò dando rilevanza, in linea con la politica di certificazione d'impresa adottata dall'Ente stesso, ai profili organizzativi della stessa, con particolare attenzione agli standard di qualità e di sicurezza e conferendo maggior rigore all'attività di controllo e vigilanza dell'Enac da svolgersi sia in sede di rilascio della certificazione, sia in occasione dell'attività di sorveglianza espletata ai fini del mantenimento e del rinnovo del certificato, attraverso una attenta analisi tecnica ed amministrativa.


Pagina aggiornata al 17 febbraio 2014

vai a inizio pagina


Navigazione contestuale

Torna alla navigazione interna