ENAC



Servizi e informazioni

torna alla navigazione interna

Torna alla navigazione interna


Contenuto della pagina

Che cos'è il wildlife strike

Immagine di un'aquila davanti ad un aereoPer wildlife strike si intende generalmente l'impatto violento tra un aeromobile ed uno o più volatili, con conseguenze di gravità più o meno rilevanti.

È oramai ampiamente appurato che il rischio di collisione tra uccelli ed aerei è, di fatto, un problema estremamente concreto ed importante a causa degli altissimi costi, sia di natura umana che di tipo economico, che esso comporta per i vettori e per gli Stati Maggiori dell'Aeronautica di tutto il mondo.

Come e perché avviene

Il wildilife strike avviene da quando l'uomo ha imparato a volare, invadendo lo spazio che prima era di esclusiva pertinenza degli uccelli. Oggi infatti sia i volatili che gli aeromobili frequentano lo stesso spazio e quando si scontrano, a causa delle velocità molto alte e delle masse in gioco, per la legge secondo la quale l'energia che si sviluppa nell'urto è pari a ½ della massa per la velocità al quadrato (E=½mv2) le conseguenze degli impatti possono essere disastrose. Anche un piccolo uccello se impattato a velocità molto alte può causare gravi danni, tenendo anche conto che l'ingestione da parte delle turbine di un aereo ne provoca il danneggiamento e a volte lo spegnimento, facendo venire a mancare la spinta all'aeromobile e mettendolo in condizioni di non poter più volare, o volare in condizioni di emergenza.

Un po' di storia

Il primo incidente documentato tra un uccello ed un aereo a motore è avvenuto in Ohio, e risale al 1908. A partire poi dagli Anni Quaranta le autorità inglesi per prime si sono occupate degli impatti tra aerei ed uccelli con crescente preoccupazione. In seguito, infatti, con l'avvento degli aerei a turboelica ed i reattori, il problema si è notevolmente acuito, e gli incidenti sono aumentati in maniera drammatica, di pari passo con il crescere del traffico di questi aeromobili.

Attualmente il rischio di impatto tra uccelli ed aeromobili non è affatto un'eventualità remota: si è arrivati ad esempio a quantificare, con un 25% di probabilità, la possibilità, che nei prossimi dieci anni avvenga un incidente disastroso tra un grande jet da trasporto e i volatili in USA o in Canada.

Qualche dato

Per meglio comprendere l'entità del problema viene qui proposto un quadro riassuntivo ottenuto mettendo insieme alcune delle più recenti statistiche elaborate in differenti Paesi del mondo:

TipologiaAviazione  CivileAeronautica militare
Fonte dei dati:
DeFusco, R. P., Hovan M. J., Harper J. T. & Heppard, K. A. 2005. Integrated North American bird avoidance system: research and development strategic plan. IBSC 27 Proc. Vol. I, WP X-4; Athens 23-27 May: 201-210;
Thorpe, J. 2005. Fatalities and destroyed civil aircraft due to bird strikes, 2002-2004. IBSC 27 Proc. Vol. I, WP II-3; Athens 23-27 May: 17-24;
MacKinnon, B. 2004. Sharing the skies. Transport Canada;
Richardson, W.J. & West T. 2003. Serious birdstrike accidents to military aircraft of many countries: additions and known totals. BSCE 26 Proc. & WP. Warsaw, 5-9 May 2003: WP OS5.
Impatti ogni anno 36.000 (solo USA) Fonte oltre 4.300 (sola USAF) Fonte
Incidenti mortali 47 (1912-2004) Fonte oltre 70 (1950-2002) Fonte
Aerei distrutti 88 aerei civili (1912-2004) Fonte oltre 380 (1950-2002) Fonte
Numero di morti 243 (1912-2004) Fonte 165 (1950-2000) Fonte
Costi (in $) 1,2 miliardi l'anno Fonte (500 milioni solo in USA) Fonte oltre 25 milioni l'anno (sola USAF) Fonte

Quando avvengono gli impatti

Circa il 90% degli impatti riportati per l'aviazione civile risulta avvenire all'interno o nelle vicinanze degli aeroporti, soprattutto durante le fasi di decollo e atterraggio. E questo è dovuto, tra le varie cause, anche al fatto che le aerostazioni costituiscono un habitat ideale per molte specie ornitiche, tra cui Gabbiani (Larus spp.), Pavoncelle (Vanellus spp.), uccelli rapaci e Storni (Sturnus vulgaris), ovvero alcune delle specie più pericolose in assoluto per la navigazione aerea.


Pagina aggiornata al 31 dicembre 2013

vai a inizio pagina


Navigazione contestuale

Torna alla navigazione interna