ENAC



Servizi e informazioni

torna alla navigazione interna

Torna alla navigazione interna


Contenuto della pagina

Manutenzione

Come riportato all'articolo 2 del Regolamento (UE) n. 1321/2014 come revisionato, per «manutenzione» si intende una combinazione delle seguenti operazioni o una sola di esse: revisione, riparazione, ispezione, sostituzione, modifica o correzione dei difetti di un aeromobile o di un suo componente, ad eccezione dell'ispezione pre-volo. Qualsiasi persona o impresa incaricata della manutenzione sarà responsabile degli interventi eseguiti.

La tabella "MANUTENZIONE" illustra le previsioni della Parte M in merito al soggetto che può effettuare e deliberare la manutenzione sull'aeromobile e sui suoi componenti in relazione alla classificazione dell'aeromobile stesso e alla tipologia di impiego.  

Le Imprese di Manutenzione 

Roma 24 aprile 2015 - È ora disponibile la pagina Informazioni alle Imprese, in cui sono vengono fornite informazioni su questioni di carattere generale in merito alla manutenzione degli aeromobili e su eventuali informazioni particolari diffuse da autorità degli Stati Membri EASA sulle approvazioni delle imprese di manutenzione Parte 145 e Parte M Capitolo F.

L'Enac approva le imprese di manutenzione ubicate sul territorio nazionale e le sorveglia in accordo con i programmi che prevedono approfondite verifiche iniziali e periodiche di tutti gli aspetti che garantiscono che la manutenzione degli aeromobili, dei motori e delle parti venga effettuata secondo standard di sicurezza elevati. Tale attività è condotta in accordo alle specifiche Sezioni e/o Parti della normativa applicabile EU che fornisco i requisiti per le autorità competenti.

In particolare sono soggetti a verifica da parte dell'Enac:

  • l'organizzazione e il personale,
  • le infrastrutture e le attrezzature di supporto,
  • gli hangar,
  • i magazzini,
  • i laboratori,
  • le officine,
  • gli uffici tecnici,
  • le attrezzature,
  • la documentazione tecnica,
  • le attività di manutenzione e di navigabilità continua,
  • l'addestramento e la qualificazione del personale,
  • le registrazioni,
  • le procedure ed il sistema di qualità delle imprese,
  • l'esercizio dei privilegi basici (incluso lo sviluppo e la gestione del processo di approvazione del PDM) e addizionali quali l'esecuzione della revisione periodica dell'aeronavigabilità degli aeromobili e il rilascio dell'ARC, o , nei casi applicabili, della raccomandazione per la sua emissione.

Si rimanda alle pagine dedicate per la certificazione delle imprese di manutenzione che intendono ottenere l'approvazione in accordo ai requisiti della Parte 145 (AMO 145) e in accordo alla Parte M Capitolo F.

Per la manutenzione degli aeromobili Annesso II che rimangono soggetti alla regolamentazione Nazionale, risultano applicabili i requisiti sulla esecuzione e delibera della manutenzione emessi dall'UE secondo i termini e le condizioni incluse a questo riguardo nella pertinente regolamentazione tecnica emessa da ENAC (es. Regolamento Tecnico dell'Enac e regolamenti ad hoc) e alla pagina Art. 1.2.(a) Reg. (CE) n. 216/2008. (*)

(*) A seguito di recenti interpretazioni emesse in sede EASA e conformemente a quanto attualmente disposto al riguardo nel Regolamento Tecnico, Enac ha deciso, per le imprese titolari di approvazione in accordo alla Sezione A, Capitolo F e G dell'Allegato I (Parte-M) al Regolamento (UE) n. 1321/2014 e alla Sezione A dell'Allegato II (Parte-145) al medesimo Regolamento, di esplicitare le pertinenti abilitazioni relative agli aeromobili Annesso II, di valenza nazionale, in un documento separato utilizzando i modelli ENAC MF-SA-NATIONAL, ENAC MG-SA-NATIONAL e ENAC 145-SA-NATIONAL di nuova istituzione. Al contempo pertanto tali abilitazioni saranno progressivamente rimosse dalla Specifica delle Abilitazioni associata rispettivamente ai Certificati EASA Form 3F, EASA Form 13 e EASA Form 3, nella quale si era originariamente deciso in precedenza di elencarle in apposita sezione separata. Per le modalità di implementazione di tali nuovi modelli, le imprese interessate possono chiedere dettagli e chiarimenti alla Direzione/Ufficio Operazioni ENAC di riferimento.


Pagina aggiornata al 5 gennaio 2016

vai a inizio pagina


Navigazione contestuale

Torna alla navigazione interna