La pista del Karol Wojtyla di Bari operativa nella nuova configurazione massima a 3.000 metri

Roma
Conferenza stampa inaugurazione della pista di volo dell'aeroporto di Bari

Maggiori standard di sicurezza e di efficienza operativa, anche in presenza di condizioni meteo avverse grazie al prolungamento da 720 a 900 metri del sentiero di avvicinamento luminoso “Cat.1” per pista 07, sensibile efficientamento energetico grazie all’utilizzo di tecnologia LED per i nuovi impianti AVL.

Dal 3 febbraio 2020 la pista dell’aeroporto Karol Wojtyla di Bari si presenta nella sua configurazione massima di 3.000 metri, sia in decollo che in atterraggio, facendo dello scalo pugliese, già annoverato tra i più moderni aeroporti italiani, un punto di riferimento per efficienza delle infrastrutture di volo, in conformità non solo alle norme aeronautiche internazionali, ma anche a quelle di carattere ambientale grazie al contenimento dei consumi energetici degli impianti che, nella nuova configurazione prevista dal piano di efficientamento energetico, garantiscono livelli più alti di efficienza e gestione operativa.

Il quadro delle opere realizzate è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, il Presidente dell’ENAC, Nicola Zaccheo,  il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti, l’Assessore regionale alla Mobilità, Giovanni Giannini e il Sindaco di Bari, Antonio Decaro.
 

Data di aggiornamento