Operazioni non commerciali con velivoli ed elicotteri

Il Regolamento (UE) n. 965/2012 e successive revisioni, di seguito denominato AIR OPS, comprende i requisiti tecnici e le procedure amministrative di implementazione del Regolamento (UE) 2018/1139, di seguito denominato regolamento basico, relative alle operazioni di volo non commerciali con velivoli ed elicotteri. Tali disposizioni sono contenute, oltre che nell’articolato di cui è composto il regolamento AIR OPS, nei seguenti allegati:

Allegati al Reg. AIR OPS Aeromobili 
Complessi
 Aeromobili 
non Complessi
Allegato I - Definizioni Applicabile Applicabile
Allegato II – Parte ARO  Applicabile Applicabile
Allegato III – Parte ORO Applicabile Non applicabile
Allegato V – Parte SPA Quando applicabile Quando applicabile
Allegato VI – Parte NCC Applicabile Non applicabile
Allegato VII – Parte NCO Non applicabile Applicabile

Le disposizioni del Reg. AIR OPS hanno sostituito le disposizioni nazionali applicabili alle operazioni di volo non commerciali per i velivoli e gli elicotteri rientranti nel regolamento basico.
Nota: ai sensi dell’articolo 5 punto 5 del Reg. AIR OPS, le disposizioni contenute negli allegati VI e VII si applicano anche alle organizzazioni di addestramento aventi la base principale delle operazioni in uno Stato Membro UE (o equiparato) e approvate in conformità al Regolamento (UE) n. 1178/2011, quando effettuano addestramento al volo verso, all’interno o all’esterno dell’Unione.
Restano disciplinati in accordo alla regolamentazione nazionale gli aeromobili ricadenti nell’allegato I al regolamento basico.
Il regolamento basico, il regolamento AIR OPS e i relativi metodi accettabili di rispondenza (AMC) e il materiale guida (GM) sono disponibili sul sito web EASA.

Cos’è un aeromobile a motore complesso?

Un aeromobile complesso è definito nell’articolo 3 del Regolamento (CE) 216/2008 come:

  1. un velivolo:
  • con una massa massima certificata al decollo superiore a 5.700 kg, o
  • certificato per una configurazione massima di posti passeggeri superiore a diciannove, o
  • certificato per operare con equipaggio minimo di almeno due piloti, o
  • dotato di uno o più motori a turbogetto o più di un motore a turboelica; 
  1. un elicottero certificato:
  • per una massa massima al decollo superiore a 3.175 kg, o
  • per una configurazione massima di posti passeggeri superiore a nove, o
  • per operare con equipaggio minimo di almeno due piloti, o
  1. un aeromobile a rotore basculante («tilt rotor» o convertiplano);

Il caso dei velivoli turboelica con MCTOM inferiore o uguale a 5700 kg

Il Reg. (UE) 2016/1199 del 22 luglio 2016 ha emendato il Reg. AIR OPS, stabilendo tra l’altro che in deroga a quanto riportato dall'articolo 5, gli operatori di velivoli complessi equipaggiati con motori turboelica ed aventi una massa massima certificata al decollo (MCTOM) uguale o inferiore a 5700 kg impiegati in operazioni non commerciali devono operare tali velivoli in accordo all’Allegato VII (Parte NCO).
Per gli aspetti relativi ai requisiti di navigabilità continua per tale categoria di aeromobili, fare riferimento ai requisiti del Reg. (UE) 1321/2014 come emendato dal Reg. (UE) 2015/1536 del 16 settembre 2015 ed a quanto riportato al riguardo nella NI 2016-003 e nelle pagine Normativa della sezione Navigabilità continua del presente sito.

Operazioni non commerciali con velivoli ed elicotteri complessi – Presentazione delle dichiarazione all’ENAC

Gli operatori di velivoli e di elicotteri rientranti nella definizione di aeromobile a motore complesso aventi la base principale delle operazioni o risiedenti sul territorio italiano, qualunque sia lo stato di registrazione degli aeromobili, devono fornire le rilevanti informazioni prima di iniziare le operazioni alla competente Direzione/Ufficio Operazioni dell'ENAC trasmettendo la relativa dichiarazione redatta sul modello riportato in Appendice I alla Parte ORO (rif. ORO.DEC.100 Declaration), nonché operare tali aeromobili in accordo ai requisiti stabiliti dal Reg. AIR OPS.
La dichiarazione di cui sopra deve essere redatta sul modello riportato in Appendice I alla Parte ORO (disponibile in formato editabile nella sezione Modulistica) e trasmessa, insieme agli allegati richiesti, alla Direzione/Ufficio Operazioni dell’ENAC competente per territorio, utilizzando la posta elettronica certificata. 
Prima dell’invio della Dichiarazione l’operatore dovrà richiedere e ottenere le approvazioni ENAC previste dal Reg AIR OPS fra cui l’approvazione delle MEL e delle eventuali approvazioni specifiche.
Alla ricezione di dichiarazioni prive delle informazioni richieste o contenenti informazioni che indichino la non rispondenza ai requisiti applicabili, la Direzione/Ufficio Operazioni dell’ENAC notificherà, nei termini di legge, all’organizzazione la non rispondenza e richiederà ulteriori informazioni. Se ritenuto necessario, sarà effettuata una ispezione presso l'organizzazione e se la non rispondenza è confermata, saranno presi i provvedimenti previsti in ARO.GEN.350.
Copia della dichiarazione e degli estremi di notifica dovranno essere tenuti a bordo dell’aeromobile.
Nota: nel caso di aeromobili complessi operati unicamente per l’effettuazione di attività di addestramento al volo da organizzazioni di addestramento non è prevista la presentazione della dichiarazione in quanto non soggetti alle previsioni di cui alla Parte ORO del Regolamento AIR OPS, ma alla Parte ORA del Regolamento (UE) n. 1178/2011.

Lista degli equipaggiamenti minimi  (MEL) 

In accordo al Reg. Air OPS ORO.GEN.105, gli operatori di aeromobili a motore complessi devono stabilire una MEL, basata sulla corrispondente MMEL definita nei dati stabiliti in conformità al Reg. (UE) n. 748/2012.  La MEL, ed ogni sua variazione, è soggetta ad approvazione da parte della Autorità competente e la relativa richiesta deve essere inviata alla Direzione/Ufficio Operazioni competente dell’ENAC. 
Per quanto riguarda invece gli operatori di aeromobili a motore non complessi, non è previsto l’obbligo di stabilire una MEL, ma possono farlo in accordo alla Parte NCO.GEN.155.  In tal caso è prevista la notifica della MEL, e di ogni sua variazione, alla Direzione/Ufficio Operazioni competente dell’ENAC.

Approvazioni specifiche 

L'Autorità competente per il rilascio di un'approvazione specifica all'operatore non commerciale è l'Autorità dello Stato in cui l'operatore è stabilito o residente.  La modulistica e le istruzioni per il conseguimento delle approvazioni SPA sono disponibili nella relativa sezione.
Per gli aeromobili registrati in paesi terzi non membri dell'UE (o equiparati), è previsto che i requisiti della Parte SPA non si applicano per le approvazioni specifiche PBN, MNPS e RVSM se rilasciate dall'Autorità dello Stato di registrazione in conformità agli standard ICAO e se sono soddisfatte le condizioni riportate nella AMC1 ARO.GEN.300(a)(2). Al fine di consentire all’ENAC di effettuare le verifiche necessarie in tempo utile, si raccomanda tali operatori di contattare l’ENAC con adeguato anticipo rispetto alla data di trasmissione della dichiarazione. 
Per le altre approvazioni specifiche non è previsto alcun riconoscimento e gli operatori interessati ad ottenere approvazioni specifiche devono richiederlo alla Direzione/Ufficio Operazioni competente dell’ENAC in accordo alla Parte SPA del Regolamento AIR OPS.

Operazioni non commerciali con velivoli ed elicotteri non complessi

Gli operatori che effettuano operazioni non commerciali con velivoli e elicotteri diversi dagli aeromobili complessi (operazioni NCO) o con velivoli complessi turboelica di MCTOM ≤ 5700 Kg, devono soddisfare i requisiti applicabili stabiliti nella Parte NCO del Regolamento AIR OPS.
Nel caso di aeromobili registrati in Italia o di aeromobili registrati in paesi terzi non UE (o equiparati) ma operati da operatori stabiliti o residenti in Italia, l’Autorità competente ai fini della Parte NCO è l’ENAC.
Per gli aeromobili registrati in un altro Stato UE (o equiparati) l’Autorità competente ai fini della Parte NCO è l’Autorità designata dalla Stato di Registrazione dell’aeromobile.

Altri aspetti delle operazioni

Le operazioni non commerciali con velivoli ed elicotteri rientranti nell’Allegato I al regolamento basico sono disciplinate dal Regolamento ENAC “Requisiti relativi alle operazioni aeree antincendio nonché ad aspetti delle operazioni specializzate e non commerciali non compresi nel regolamento (UE) 965/2012”.  Nel caso di velivoli o elicotteri complessi, il modulo per la presentazione della dichiarazione è contenuto nella pagina Modulistica. 
Il predetto regolamento disciplina inoltre le limitazioni dei tempi di volo e di servizio per gli equipaggi di condotta degli aeromobili complessi (anche per quelli rientranti nel regolamento basico), in attesa dell’emissione delle norme di implementazione di cui all’art. 8 del Reg. AIR OPS

Modulistica

Modulistica relativa alle Operazioni Non Commerciali condotte con velivoli ed elicotteri EASA:

Modello ENAC DEC - Dichiarazione a norma del Regolamento (UE) n. 965/2012 della Commissione sulle operazioni di volo

Modulistica relativa alle Operazioni Non Commerciali condotte con velivoli ed elicotteri di cui all'Allegato  I al Reg. (UE) 2018/1139:

Modello ENAC DEC AII - Dichiarazione a norma del Regolamento Requisiti relativi alle operazioni aeree antincendio nonché ad aspetti delle operazioni specializzate e non commerciali non compresi nel regolamento (UE) 965/2012

Modulistica relativa alla cessazione delle operazioni di volo soggette a Dichiarazione:

Modello ENAC OPS DEC END - Comunicazione della cessazione delle operazioni volo soggette a Dichiarazione

Link correlati

•    EASA Part-NCC/NCO FAQ
•    Disposizione 32/DG del Direttore Generale dell’ENAC del 7/11/2014
•    Approvazioni Specifiche
•    EASA General Aviation page
•    EASA Sunny Swift
•    Le regole dell’aria e la circolazione aerea

Aggiornato al
VEDI ANCHE
VEDI ALTRI