Categoria aperta (Open Category)

La Categoria aperta si riferisce a operazioni a basso rischio con relativi requisiti stabiliti dalla regolamentazione europea (Regolamento di Esecuzione (UE) 2019/947).

In categoria aperta è possibile far volare il proprio UAS solo dopo:

  • aver conseguito da parte del pilota l’appropriato attestato emesso dall’ENAC (rif. Come si diventa pilota UAS)
  • aver effettuato la registrazione nel portale d-flight da parte dell’operatore UAS,
  • aver stipulato un’adeguata assicurazione da parte dell’operatore UAS
  • aver verificato sul portale d-flight le zone consentite/vietate al volo con UAS.

In attesa dell’immissione nel mercato di UAS (droni) con marcatura CE, da C0 a C4, è consentito utilizzare, fino al 1° gennaio 2023 , i droni attualmente sul mercato nella cosiddetta “Categoria Aperta Limitata” che prevede le seguenti operazioni:

  • in sottocategoria A1 possono essere operati UAS con massa massima al decollo inferiore a 500 g 
  •  in sottocategoria A2 possono essere operati UAS con massa massima al decollo inferiore a 2 kg mantenendo una distanza minima orizzontale di 50 m dalle persone
  • in sottocategoria A3 possono essere operati UAS con massa massima al decollo inferiore a 25 kg
UAS Open Category
Fonte immagine EASA - Operazioni in Categoria Aperta Limitata

Le competenze dei piloti sono stabilite dall’EASA a norma del Regolamento di esecuzione (UE) 2019/947.

Rientrano invece nella Categoria Specifica:

  • le operazioni non ricomprese nella categoria aperta limitata (fino al 1° gennaio 2023)
  • le operazioni non ricomprese nella categoria aperta (dal 2 gennaio 2023)

 

Aggiornato al
VEDI ANCHE
VEDI ALTRI